VIVI SOSTENIBILE

3 motivi per amare il cavolfiore e 1 ricetta vegana per gustarlo!

9 Novembre 2020  Tempo di lettura: 5–7 min

Il cavolfiore fiorisce nella stagione autunnale, ci sono varietà precoci che si raccolgono a ottobre e altre tardive che potrete gustare anche in estate ma ora siamo nel pieno della stagione perché il freddo è il responsabile del suo sapore.
Oggi vogliamo superarci con 3 motivi per amare il cavolfiore, non preoccupatevi: abbiamo anche una ricetta da consigliarvi perché non vogliamo farvi mancare nulla!

Piacere, sono Sulforafano!

Il sulforafano è un composto vegetale che si trova negli alimenti, soprattutto nelle verdure crucifere nelle quali rientra il cavolfiore.
Certo, le verdure cotte perdono un po’ di proprietà nutritive ma c’è la soluzione: la cottura al vapore per 1-3 minuti limita la perdita delle sostanze nutritive.
Ma ritorniamo al sulforafano: esistono gli integratori a base di questa sostanza e noi ce l’abbiamo gratis nei cavolfiori, perché non approfittarne? Questo composto fa miracoli per la salute del cuore: è in grado di regolare la pressione arteriosa e protegge il rivestimento interno delle arterie. Sempre lui rende il cavolfiore ottimo per la protezione di stomaco e digestione,  anche qui ci riesce proteggendo il rivestimento interno dello stomaco e impedendo la proliferazione dei batteri.

Antiossidanti

Oltre al sulforafano, il cavolfiore è ricco di vitamina C, carotenoidi, quercetina e una lista di antiossidanti naturali da far invidia anche al migliore integratore.

Vitamine

Della vitamina C ve ne abbiamo già parlato, ma il cavolfiore contiene anche la vitamina K utile per le ossa e la coagulazione e tantissime vitamine del gruppo B indispensabili per prevenire anemia, depressione e ictus. Ma non vogliamo dimenticarci della colina, fondamentale per lo sviluppo cerebrale del feto, memoria e apprendimento.
Con una presentazione così e con tutti questi lati positivi, potete anche chiudere un occhio o il naso durante la cottura! 😉 O potrete sfruttare il trucco che ora vi sveliamo: per diminuire l’odore pungente potrete aggiungere all’acqua di cottura un cucchiaio di latte o aceto.
Ora sapete tutto su questo ortaggio di stagione e possiamo svelarvi la ricetta del tabulè di cavolfiore per gustare questo integratore naturale!

Ingredienti

  • 1 cavolfiore piccolo
  • 50 gr di uvetta
  • 80 gr di anacardi
  • Il succo di 1 limone
  • 3 cucchiai di olio extravergine di oliva
  • ½ cucchiaio di senape dolce
  • 1 cucchiaio di lievito alimentare 
  • 1 cucchiaino di curcuma
  • 1 cucchiaino di maggiorana
  • sale e pepe

Procedimento per realizzare il tabulè vegano con il cavolfiore

Lavate il cavolfiore, tagliatelo in pezzi senza scartare i gambi e mettetelo nel mixer. Tritatelo fino a che non formerete dei granelli simili al bulgur e trasferitelo in una ciotola. Unite il succo di limone nel quale avrete fatto sciogliere senape e curcuma e continuate ad aggiungere gli anacardi spezzettati, la maggiorana, il lievito, l’olio, il sale e il pepe. Mescolate il tutto e lasciate riposare prima di servire.
Questa ricettina veloce vi stupirà e non preoccupatevi se non c’è il formaggio. Abbiamo deciso di provare il lievito alimentare che sa di formaggio, così da proporre questa variante tutta vegana di tabulè!

Per un futuro migliore, per il cibo e per il pianeta, fai la tua spesa senza sprechi!

Scarica l’app!