VIVI SOSTENIBILE

5 cose da fare durante il giorno di Pasquetta, a casa!

7 Aprile 2020  Tempo di lettura: 5–6 min

Durante questo periodo di quarantena forzata tutti avete perfezionato le skill culinarie e, con l’idea di dover ridurre al minimo le visite nei supermercati, sicuramente avrete imparato ad ottimizzare tutto quello che avete in frigo e in dispensa. 

Ecco perché non vogliamo consigliarvi nessuna ricetta a spreco zero per Pasqua: ne avrete già in mente tantissime! 🙂 

Vogliamo però proporvi una Pasquetta diversa prendendo anche spunto da una tradizione norvegese. Un modo per vedere il bicchiere mezzo pieno senza sprecarlo in inutili lamentele, perché ce la faremo!

Per gli amanti delle gite fuori porta: dovrete solo cambiare prospettiva. Festeggiate Pasquetta a porte chiuse, realizzando queste due ricette veloci con le verdure di stagione e sfoderando chitarre, tegami e bicchieri! 🙂 C’è chi è abituato a suonare e cantare in cerchio nei boschi… quest’anno potrete farlo con i coinquilini (che tanto odiate e amate), con il compagno o la compagna (state superando una prova degna di nota) o su Skype, Zoom e le tantissime app che avete conosciuto e usato in questi giorni!

Per gli amanti della grigliata: tutti in balcone per festeggiare con gli “abitanti” della casa e del condominio! In fondo se questa è l’unica Pasquetta in cui ci sarà il sole dobbiamo approfittarne! 🙂 

Per gli sportivi: prendete carta e penna se siete della filosofia old school e volete giocare al sempreverde Nomi, Cose, Città o scaricate Houseparty e collegatevi per divertirvi ai tempi del Covid-19! 

Non avete un balcone ma solo un monolocale e nessun coinquilino? Quante volte avete sognato una giornata di intero relax alle terme? Anche la vostra casa può trasformarsi in una SPA, naturalmente a spreco zero e perché non approfittare del giorno di Pasquetta? Trattamenti a base di vino avanzato (le due gocce rimaste del pranzo di ieri, dai almeno due!) scrub corpo con la posa dei tanti caffè che avete bevuto in questi giorni di smart working e trattamenti per la pelle con il cacao avanzato dall’ultima torta che avete preparato, o cercato di preparare! Quando avrete finito di prendervi cura della vostra pelle potrete passare alle lezioni di yoga online.

Per i Foodies con i bambini a casa, per le case di studenti in quarantena basterà sentirsi in Norvegia con la mente! Molti Norvegesi scelgono di prolungare l’inverno fino al giorno di Pasquetta. Si riuniscono in famiglia per iniziare una vera e propria maratona di film, serie e libri gialli! Una tradizione che va avanti da anni. Perché non riprenderla anche in Italia, oggi che il buon senso e il rispetto per la salute, nostra e degli altri, ce lo richiedono? Loro utilizzano la carne di montone. Noi non abbiamo questa carne ma per la carica di proteine potrete scegliere ciò che più preferite, potrete farlo anche in modo vegano con questi hamburger realizzati con le lenticchie! Controllate nelle librerie: vi serviranno libri, racconti e film gialli e un bravo cantastorie! 🙂

Per un futuro migliore, per il cibo e per il pianeta, fai la tua spesa senza sprechi!

Scarica l’app!

 

E le uova? Dipingiamole a spreco zero: la tradizione russa insegna!

Anche in Italia, per il periodo di Pasqua, si dipingono le uova, ma in Russia è una vera e propria tradizione secolare! Perché si dipingono? Perché durante la Quaresima erano banditi gli alimenti di origine animale e i contadini russi lessavano le uova per mantenerle più a lungo e le dipingevano per differenziarle da quelle crude. Per i pagani invece le uova simboleggiavano la rinascita che avviene in natura con l’arrivo della primavera. 

Dal popolo con il colbacco però possiamo riprendere la tradizione a spreco zero: per colorare le uova di rosso, che i russi chiamano kràshenka, si utilizza la buccia della cipolla bollita. E anche se adesso si possono usare anche i coloranti alimentari perché non continuare con la tradizione russa a spreco zero?

La cucina è piena di colori: buccia di cipolla, caffè e barbabietole rosse e ve ne abbiamo già parlato! In questo periodo in cui è necessario rimanere a casa perché non divertirci a dipingere le uova con gli scarti di cibo, come facevano i russi, facendoci aiutare dai bambini? 🙂 

Счастливой Пасхи, Foodies!