RICETTE

Barba di finocchio: ricicliamola in una tisana depurativa e antispreco

13 Febbraio 2020  Tempo di lettura: 2 min
 Preparazione: 5min
 Cottura: 15min
 Difficoltà: "facile"

Dal sapore fresco, ottimo cotto ma anche crudo. Pochissime calorie e un toccasana naturale per la nostra salute. Cos’è? Il finocchio, un ortaggio che non può assolutamente mancare nei nostri menù in questo periodo perché di stagione e perché l’alleato per perdere i chili di troppo, restando seduti a tavola 🙂
Magia? No! Vi spieghiamo subito il perché!

Gambi, barba e cuore. Non sprecate nulla, vero?

Tutte le parti di questo ortaggio, anche quelle che consideriamo scarti, sono ricchissime di fosforo, magnesio, calcio, potassio, vitamine e fibre.
Foodies cagionevoli, i rimedi naturali per l’influenza ve li abbiamo già consigliati ma potrete tenere alla larga il raffreddore anche con questo ortaggio, fonte naturale di vitamina C!

Quindi non dobbiamo dirvi altro per convincervi se non consigliarvi una ricetta con gli scarti (gambi e barba di finocchio) e darvi un altro tip antispreco: potrete realizzare anche una tisana con la barba di finocchio!

Ingredienti

  • barba e gambi esterni di 3 finocchi freschi non trattati
  • 2 cucchiai di miele o zucchero di canna 
  • 1 litro di acqua

E il cuore del finocchio? Potrete gustarlo crudo in pinzimonio per poter usufruire di tutte le proprietà che vi abbiamo elencato! 

Ti manca un ingrediente?

Controlla sull’app Myfoody, potrai trovarli scontati fino al 50%

 

Preparazione della tisana con la barba del finocchio

Prendete i vostri finocchi non trattati e puliteli come siete soliti fare, separando le barbe, i gambi e le foglie esterne più dure dal cuore. Unica differenza? Questi scarti non finiranno nel bidone dell’umido ma nella vostra tisana a spreco zero!
Procedete con il lavaggio prima di metterli in una pentola piena d’acqua e fate bollire per 15 minuti.
Filtrate la vostra tisana e aggiungete il miele o lo zucchero di canna. Potrete gustare il vostro rimedio detox caldo o tiepido, dopo i pasti o dopo cena mentre vi godete un film sul divano.

Potrete sicuramente trovare in commercio diverse varietà di tisane al finocchio, ma perché non provare questa variante a spreco zero carica di tutte le proprietà nutritive di questo ortaggio?

Finocchio, conosciamolo meglio!

Nel periodo invernale ne avrete visti sicuramente di diversa forma sugli scaffali. C’è chi prova a stabilire una differenza tra finocchio femmina e finocchio maschio ma vi sveliamo un segreto: questa distinzione è solo formale!

Se vedete un finocchio più filiforme, beh quello sarà una finta donna. Se invece ne vedete uno di forma più tondeggiante, quello sarà un finto uomo!

Sono buonissimi entrambi e potrete utilizzare la barba del finocchio maschio e femmina per la tisana che vi abbiamo consigliato o anche per degli sformatini di cui vi abbiamo già parlato. Il finocchio maschio è meno fibroso e più carnoso, quindi attirerà l’attenzione su di lui tra gli scaffali. 

Ma la bellezza è soggettiva, quindi scegliete quello che più vi piace! 🙂