VIVI SOSTENIBILE

Combattere lo spreco alimentare: a lezione dai più piccoli!

7 Giugno 2019 • Tempo di lettura: 2 min

Tra i banchi di scuola non solo libri di filosofia, anche se una filosofia molto importante si studia nella scuola elementare londinese ed è quella contro lo spreco alimentare.  
Più di 400 bambini, tra i 5 e 12 anni, della scuola elementare Old Oak insieme al Community Centre in East Acton hanno lanciato un’iniziativa per combattere lo spreco alimentare: il Bubble & Squeak project.  

Questi piccoli eroi vendono ai genitori e alla comunità locale frutta e verdura imperfette e realizzano piatti realizzati con prodotti che sarebbero stati altrimenti sprecati.
Cibo non scaduto, ma ancora buonissimo, che i nostri piccoli ma grandi foodheroes rivendono con il concetto del “pay as you feel”:  scegli tu quanto pagare.
Nylah, di soli 5 anni, ha affermato: “vendiamo cibo ancora buonissimo che gli adulti avrebbero sprecato”.
Un grande insegnamento che parte dai più piccoli per arrivare ai più grandi e a tutti noi.

Ogni anno, il Regno Unito butta via all’incirca 13 miliardi di cibo troppo buono per essere sprecato.
La soluzione non è da ricercarsi nella ricerca del colpevole ma nel capire cosa genera il problema: il non conoscere la differenza tra “da consumare entro” e “consumare preferibilmente entro”.
Il nome del progetto Bubble & Squeak “è tutto un programma”: questo infatti è un piatto simbolo della cultura anti-spreco londinese i cui ingredienti principali sono la patata e il cavolo, ma al quale si possono aggiungere anche carote, piselli, cavoli di Bruxelles e altre verdure avanzate.

Bubble & Squeak: come funziona il progetto contro lo spreco alimentare

Foodheroes contro lo spreco alimentare

Ma come funziona questo semplice progetto contro lo spreco alimentare?
Si compone di due fasi: vendita e sperimentazione ai fornelli.
I genitori e lo staff raccolgono il cibo che supermercati, mercati e negozi locali avrebbero altrimenti sprecato.
Nel giardino della scuola si preparano le bancarelle anti-spreco dove i bambini, insieme agli insegnanti, possono, durante il controllo del cibo ricevuto, scoprire le potenzialità di questa importante risorsa e riflettere sul suo valore.
Al suono della campanella i bambini della Old Oak School chiudono i libri e si trasformano in piccoli venditori per rivendere i prodotti recuperati ai genitori e alla comunità locale.

A fine vendita poi, i bambini indossano il cappello da chef e insieme agli insegnanti realizzano dei buonissimi piatti anti-spreco!

Molto spesso gli adulti pensano di dover guidare i bambini, insegnando loro tutto quello che sanno. Raramente ci si ferma a pensare alle lezioni di vita che i bambini possono darci e il progetto Bubble & Squeak è uno di quei momenti. 

Grazie piccoli foodheroes 🙂

Per un futuro migliore, per il cibo e per il pianeta, fai la tua spesa senza sprechi!

Scarica l’app!

 

Bubble & Squeak: il suono anti-spreco della ricetta londinese

Il nome di questo piatto è onomatopeico: significa infatti “bolla e scricchiolio” e indica il suono che le frittelle producono durante la cottura! Per preparare questo piatto anti-spreco londinese tagliate le patate a cubetti, mettetele in una pentola di acqua salata e fatele cuocere a fuoco lento! Potete aggiungere anche tutti gli avanzi di verdura che avete.Lasciate sciogliere il burro nella stessa pentola, aggiungete la cipolla tagliata a fettine e fatela cuocere a fiamma bassa per 7-8 minuti. Cuocete anche i cavoletti al vapore. Versate patate e cavoletti in una terrina, schiacciate il tutto con una forchetta e aggiungete burro e cipolla. Dovrete formare delle polpette da far friggere ad alta temperatura in una padella con olio vegetale riscaldato.