VIVI SOSTENIBILE

Combattere lo spreco alimentare: a lezione dai più piccoli!

Tra i banchi di scuola non solo libri di filosofia, anche se una filosofia molto importante si studia nella scuola elementare londinese ed è quella contro lo spreco alimentare.  
Più di 400 bambini, tra i 5 e 12 anni, della scuola elementare Old Oak insieme al Community Centre in East Acton hanno lanciato un’iniziativa per combattere lo spreco alimentare: il Bubble & Squeak project.  

Questi piccoli eroi vendono ai genitori e alla comunità locale frutta e verdura imperfette e realizzano piatti realizzati con prodotti che sarebbero stati altrimenti sprecati.
Cibo non scaduto, ma ancora buonissimo, che i nostri piccoli ma grandi foodheroes rivendono con il concetto del “pay as you feel”:  scegli tu quanto pagare.
Nylah, di soli 5 anni, ha affermato: “vendiamo cibo ancora buonissimo che gli adulti avrebbero sprecato”.
Un grande insegnamento che parte dai più piccoli per arrivare ai più grandi e a tutti noi.

Ogni anno, il Regno Unito butta via all’incirca 13 miliardi di cibo troppo buono per essere sprecato.
La soluzione non è da ricercarsi nella ricerca del colpevole ma nel capire cosa genera il problema: il non conoscere la differenza tra “da consumare entro” e “consumare preferibilmente entro”.
Il nome del progetto Bubble & Squeak “è tutto un programma”: questo infatti è un piatto simbolo della cultura anti-spreco londinese i cui ingredienti principali sono la patata e il cavolo, ma al quale si possono aggiungere anche carote, piselli, cavoli di Bruxelles e altre verdure avanzate.

Bubble & Squeak: come funziona il progetto contro lo spreco alimentare

Foodheroes contro lo spreco alimentare

Ma come funziona questo semplice progetto contro lo spreco alimentare?
Si compone di due fasi: vendita e sperimentazione ai fornelli.
I genitori e lo staff raccolgono il cibo che supermercati, mercati e negozi locali avrebbero altrimenti sprecato.
Nel giardino della scuola si preparano le bancarelle anti-spreco dove i bambini, insieme agli insegnanti, possono, durante il controllo del cibo ricevuto, scoprire le potenzialità di questa importante risorsa e riflettere sul suo valore.
Al suono della campanella i bambini della Old Oak School chiudono i libri e si trasformano in piccoli venditori per rivendere i prodotti recuperati ai genitori e alla comunità locale.

A fine vendita poi, i bambini indossano il cappello da chef e insieme agli insegnanti realizzano dei buonissimi piatti anti-spreco!

Molto spesso gli adulti pensano di dover guidare i bambini, insegnando loro tutto quello che sanno. Raramente ci si ferma a pensare alle lezioni di vita che i bambini possono darci e il progetto Bubble & Squeak è uno di quei momenti. 

Grazie piccoli foodheroes 🙂

Bubble & Squeak: il suono anti-spreco della ricetta londinese

Il nome di questo piatto è onomatopeico: significa infatti “bolla e scricchiolio” e indica il suono che le frittelle producono durante la cottura! Per preparare questo piatto anti-spreco londinese tagliate le patate a cubetti, mettetele in una pentola di acqua salata e fatele cuocere a fuoco lento! Potete aggiungere anche tutti gli avanzi di verdura che avete.Lasciate sciogliere il burro nella stessa pentola, aggiungete la cipolla tagliata a fettine e fatela cuocere a fiamma bassa per 7-8 minuti. Cuocete anche i cavoletti al vapore. Versate patate e cavoletti in una terrina, schiacciate il tutto con una forchetta e aggiungete burro e cipolla. Dovrete formare delle polpette da far friggere ad alta temperatura in una padella con olio vegetale riscaldato.

Non ne hai mai abbastanza?
Iscriviti alla newsletter, non saremo mai noiosi.
Altri articoli
I più letti
I più letti
I più letti