RICETTE

Confettura con le bucce di pere e mele: la ricetta anti-spreco!

23 Febbraio 2020  Tempo di lettura: 2 min
 Preparazione: 30min
 Cottura: 120min
 Difficoltà: "facile"

Molto spesso la chiamiamo marmellata ma in realtà dovremmo farlo solo se questa è a base di zuccheri e agrumi. Se parliamo di altri frutti dovremmo chiamarla confettura.
Chiarito il mistero oggi vogliamo darvi una ricetta dolcissima, da gustare a colazione o per accompagnare i vostri aperitivi fatti in casa.

Appassionati di pere e mele c’è un modo per recuperare le bucce, da non considerare scarti ma ingredienti importantissimi per l’alto contenuto di fibre (anche più della polpa).
Vediamo come realizzare la confettura con le bucce di questi due frutti.
L’inverno è la stagione degli agrumi, ma pere e mele possono conservarsi anche in questo periodo quindi siamo sicuri non mancheranno nella vostra dispensa.

Ingredienti

  • le bucce di 5 pere e/o mele non trattate
  • 1 bicchiere di zucchero di canna
  • il succo di 1 limone
  • zenzero e cannella

Ti manca un ingrediente?

Controlla sull’app Myfoody, potrai trovarli scontati fino al 50%

 

Preparazione

Per questa ricetta a spreco zero dovrete utilizzare frutta non trattata. Assicuratevi di aver lavato con cura la superficie di pere e mele che andrete ad utilizzare, sbucciate i vostri frutti e bagnate le bucce con del succo di limone.

Con la polpa potrete realizzare una crostata di mele e pere, un ottimo dessert da gustare in pausa tè o per addolcire le vostre colazioni.

Scaldate in un pentolino 2 bicchieri di acqua con la metà della quantità di zucchero che vi abbiamo suggerito, aggiungete le bucce e lasciate cuocere il composto fino a quando l’acqua non sarà evaporata del tutto.
Non spegnete il fuoco, aggiungete 2 bicchieri di acqua e la parte rimanente di zucchero e cuocete fino a quando il vostro composto non sarà diventato denso.
Assaggiate la vostra confettura e, se vi sentite ispirati, aggiungete un pizzico di zenzero o di cannella.

Potrete consumare la confettura realizzata con le bucce fresca o potrete conservarla. Per farlo vi sveliamo subito il procedimento.
Sarà necessario un trattamento a bagnomaria. Riempite i vostri barattoli di vetro con la confettura realizzata con le bucce di pere e mele, lasciateli aperti per far raffreddare il composto prima di richiuderli con cura e riporli in una pentola in cui il livello dell’acqua dovrà superare di 2-5 cm i vasetti.
Prendete dei canovacci e riponeteli sul fondo della pentola e tra un vasetto e l’altro per evitare che il calore diretto li raggiunga. Portate ad ebollizione per circa 20-40 minuti e tenete sotto controllo il livello dell’acqua.

Quando avrete spento il fuoco potrete rimuovere i vasetti solo quando l’acqua sarà del tutto fredda. Asciugateli, verificate che siano chiusi ermeticamente e riponeteli in un luogo fresco e buio. Scegliete il posto che rispetta queste condizioni e potrete conservare le vostre confetture a spreco zero fino a un anno, se perfettamente chiuse.

Non vedevate l’ora di assaggiare la vostra creazione a spreco zero? Bene, siamo curiosi anche noi del risultato ma ricordatevi che la confettura deve essere conservata in frigorifero e consumata entro 3 settimane dall’apertura. 

Il regno delle Mele

Parlando di bucce vi abbiamo già consigliato, sul nostro blog, un dessert da realizzare con mele e pere e vi abbiamo già parlato delle varietà di pere ma oggi vogliamo concentrarci sulle mele.

Nonostante l’Italia sia uno dei più grandi produttori di mele e il Trentino sia riconosciuto come territorio di origine di questo frutto (qui infatti si concentra ben il 50% della produzione), la mela ha origine in Kazakistan. Avete mai visitato Almaty? Il nome della città più popolosa significa infatti “il posto delle mele”.

Se avete problemi di cuore, lo sappiamo San Valentino è già passato, ma vogliamo dirvelo comunque: donate al vostro partner una mela e affidatevi alle ricette dell’America centrale. In questo stato la mela serviva per preparare potenti filtri amorosi!

Un’altra curiosità sulla mela porta il nome di Guglielmo Tell, il leggendario eroe svizzero e arciere che, grazie alla sua mira infallibile, riuscì a salvarsi centrando la mela posta sulla testa del figlio.
Con una storia così come non poter amare questo frutto?