VIVI SOSTENIBILE

Cosmetici naturali: i 5 consigli per una scelta green e consapevole

7 Ottobre 2020  Tempo di lettura: 8–10 min

Basta poco per fare la scelta giusta in ambito beauty: acquistare cosmetici naturali è sempre più alla portata di tutti, soprattutto per coloro che hanno a cuore il rispetto per l’ambiente. Anche di fronte ad un’offerta molto variegata, vediamo i 5 consigli per andare sul sicuro e fare scelte mirate!

  1. Selezionare le fonti di informazione e acquisto

Il fenomeno del greenwashing è sempre più diffuso al giorno d’oggi: sulle etichette dei cosmetici compaiono molto spesso immagini o riferimenti al mondo del “naturale”, pur non essendo i prodotti stessi identificabili come naturali, ovvero con ingredienti di origine vegetale. La motivazione risiede nel fatto che sempre più persone prestano attenzione agli ingredienti di cui è composto un prodotto. Ma la differenza non può essere fatta dai claim usati in etichetta: la fonte di informazione deve sempre restare l’INCI, ovvero l’elenco degli ingredienti riportato in etichetta. Vediamo due consigli per imparare a leggerlo. Il primo: gli ingredienti sono riportati in ordine ponderale decrescente, il che significa che i primi in elenco sono i più concentrati.  Il secondo consiglio: affidatevi a fonti che possano spiegare in modo semplice e immediato cosa rappresentano i nomi scientifici degli ingredienti, che non sono di uso comune.

Un esempio? Abbiamo di recente scoperto la nuova piattaforma digitale interamente dedicata al movimento del clean beauty. Si chiama www.yesysabella.it e per ogni prodotto in vendita riporta l’elenco degli ingredienti con la possibilità di approfondirne usi e proprietà con un semplice click! Fondamentale per una scelta consapevole 😉

  1. Comprendere il linguaggio dell’INCI aiuta ad orientarsi nelle scelte

Come dicevamo, gli ingredienti di uso comune vengono registrati con un sostantivo solitamente latino, con cui vengono elencati sulla Farmacopea Europea. Le sostanze chimiche sintetiche invece vengono indicate con la lingua inglese. Infine, i derivati vegetali che non hanno subito ulteriori trattamenti in seguito all’estrazione presentano il nome botanico in latino. Questo è il motivo per cui l’Olio di Avocado può essere indicato in vari modi: Avocado Oil, Persea Americana, Persea Gratissima Oil. Nomi apparentemente strani ma dopo un po’ ci si prende confidenza 🙂

  1. Conoscere la propria pelle per individuare gli ingredienti più adatti da ricercare nei cosmetici

Può sembrare banale, ma non lo è. Molto spesso le problematiche della pelle sono causate dagli acquisti sbagliati. Ci sono ingredienti naturali perfetti per un tipo di pelle ma allo stesso tempo inadatti per altri.

Un esempio concreto? Detergere la pelle con un gel a base di Aloe Vera o Tea Tree Oil è un ottimo rimedio per il trattamento della pelle grassa e oleosa. Questi due ingredienti agiscono in sinergia per contrastare l’eccessiva produzione di sebo. Se immaginiamo lo stesso trattamento sulla pelle secca si rischierebbe di contribuire ad aumentare l’effetto “pelle che tira”, anziché dare il livello di nutrimento che potrebbero dare oli e burri.

  1. La qualità non ha prezzo

Molti associano l’alto prezzo di un cosmetico ad una maggiore qualità: non è così in molti casi. Saper leggere l’INCI e comprendere da cosa è composto un cosmetico è il primo passo per iniziare ad orientarsi e scardinare il parallelismo tra fascia di prezzo elevata e qualità intrinseca. Un bel packaging, la pubblicità su riviste e in TV contribuiscono indubbiamente a dare un’immagine appetibile ad un prodotto: ma nella cosmesi green è importante saper riconoscere se si sta pagando per il contenuto o la forma.

  1. Controllare il PAO, ovvero il “Period After Opening”

E’ facilmente rintracciabile sul prodotto ed è rappresentato dal disegno di un barattolo aperto con un numero e la lettera M, che indica i mesi. 6M significa che dall’apertura quel prodotto sarà valido per sei mesi. Naturalmente è un periodo indicativo, perché tutto dipende da come conserviamo il prodotto. In ogni caso, quando si compra un prodotto leggere il PAO aiuta nella scelta. Come? Ecco un esempio concreto: se siamo indecisi se acquistare un prodotto di cui sappiamo faremo un uso sporadico, un PAO di 3 mesi potrebbe distoglierci dall’acquisto perché il rischio di non usare tutto il contenuto prima della scadenza è alto.

Saper fare scelte cosmetiche consapevoli ed efficaci non è facile ed è frutto di un percorso, ma con questi semplici consigli è sicuramente più smart!

Per iniziare, visitate la piattaforma YES: Ysabella https://www.yesysabella.it. Per noi di Myfoody hanno creato un invito alla prova speciale: -20% di sconto sul primo acquisto col codice MYFOODY20. Quale modo migliore per iniziare? 😉

Per un futuro migliore, per il cibo e per il pianeta, fai la tua spesa senza sprechi!

Scarica l’app!