RICETTE

Decotto di zenzero e buccia d’arancia: rimedio antispreco contro l’influenza

1 Dicembre 2019  Tempo di lettura: 3
 Preparazione: 15min
 Cottura: 15min
 Difficoltà: "facile"

Novembre: l’influenza è dietro l’angolo come le arance Navel e lo zenzero!
Con questo decotto anti-influenzale a spreco zero con zenzero uniamo una radice e un frutto dalle proprietà magiche per affrontare i primi malanni.
Batman (lo zenzero) e Robin (l’arancia Navel) sono formidabili insieme! 🙂

Segni particolari dell’arancia Navel? L’ombelico. Le arance hanno diversi mesi di raccolto, ma ora questa varietà è di stagione e, grazie al suo ombelico in bella vista, sarà semplicissimo riconoscerla nei fruttaroli di fiducia. 

Perché vi presentiamo questo decotto come rimedio anti-spreco contro l’influenza? Perché potrete gustare l’arancia e riutilizzare la sua buccia, sarebbe una grande perdita (di fitonutrienti e flavonoidi) non farlo!

Ma anche lo zenzero merita la dovuta attenzione: gli antichi cinesi ci insegnano quanto questa radice sia indicata contro tosse e catarro, raffreddore, febbre e mal di testa!  Perché non seguire i loro consigli? D’altronde quando ci siamo affidati alle tradizioni di un altro popolo orientale, quello giapponese, per la cura della pelle del viso non è stato un errore.

Non c’è bisogno di dire altro per convincervi, quindi passiamo subito agli ingredienti.

Ingredienti

  • 1 radice di zenzero
  • 1 buccia di arancia non trattata
  • 250 ml di acqua
  • 1 cucchiaino di miele (facoltativo)

Ti manca un ingrediente?

Controlla sull’app Myfoody, potrai trovarli scontati fino al 50%

 

Preparazione del decotto con zenzero

Lavate bene l’arancia, gustate il frutto e mettete da parte la sua buccia (solo la parte arancione).
Per lo zenzero dovrete eliminare solo la parte legnosa quindi non pensate di cavarvela con un coltello! 🙂 Eliminereste oltre la buccia anche la polpa dello zenzero e i nostri amici giapponesi non sarebbero d’accordo! 🙂
Staccate il pezzo di radice di zenzero che avete intenzione di utilizzare e armatevi di un cucchiaio! Con il dorso del cucchiaio esercitate una leggera pressione e grattate verso il basso. In questo modo eliminerete solo la parte legnosa più esterna.
Tagliate la radice di zenzero a fettine, riponetela insieme alla buccia d’arancia in un pentolino d’acqua e fate bollire il tutto per 7 minuti. Spegnete la fiamma e lasciate il tutto in infusione per altri 5 minuti. Il tempo necessario affinché il vostro decotto anti-spreco e anti-influenzale sarà pronto per essere sorseggiato. Filtrate il vostro decotto con zenzero e dolcificate a vostro piacere.
Potrete berlo freddo o caldo, il risultato sarà una salute ottimale, la vostra ma anche quella del pianeta grazie allo spreco di cibo che avrete evitato!

La radice magica della salute

Nell’antichità lo zenzero veniva usato come conservante alimentare. Aggiungendo questo rizoma ai piatti si rallentava il periodo di deterioramento dei cibi. Magia, si pensava. 

In realtà si tratta di principi attivi antimicrobici che agiscono sugli alimenti. 

Ma questa non è l’unica magia che si può realizzare con questa radice.

I marinai cinesi lo utilizzavano anche come rimedio contro il mal di mare. L’ennesima magia?! 🙂 No, questa radice viene utilizzata, ancora oggi, nel trattamento della dispepsia, tra i cui sintomi rientra una digestione difficile. 

La ricordate la canzone di Elio e le Storie Tese? Si chiama Natale e Zenzero, recitava così e crediamo sia il modo migliore per terminare l’elogio dello zenzero! 

Oh pianta che provieni dall’oriente

il cui rizoma è usato come eupeptico

in farmacia, cucina e nei liquori

e ovviamente nel Natale.

Sapete poi cosa vuol dire eupeptico?

Significa che ti fa digerire,

per cui dopo il cenone di Natale

diciamoci l’un l’altro eupepsia.