RICETTE

Frittata con funghi trifolati e spinaci: cena zero waste

24 Settembre 2021  Tempo di lettura: 2 min
 Preparazione: 10min
 Cottura: 6min
 Difficoltà: "facile"

Settembre insieme con ottobre è da sempre considerato il mese migliore per gustare i funghi. Potrete scegliere la varietà che preferite perché le troverete davvero tutte nelle vostre scampagnate nei boschi.
Il fungo più amato è il porcino chiaro-autunnale che abbonda nei boschi di Abete e Faggio.

Se avete già preparato dei funghi trifolati ed è avanzata una porzione in frigorifero potrete trasformarli in un ingrediente a zero spreco per la frittata con funghi salva cena che vi consigliamo.

La frittata con funghi e con gli avanzi che avete in frigo è un piatto semplice e soprattutto economico che potrete servire come secondo accompagnato da una bella insalata mista. Noi vi diamo una lista di ingredienti, ma come vi suggeriamo sempre, quando si tratta di trasformare gli avanzi in ingredienti qualsiasi cosa andrà bene.

 

Ingredienti

  • 400 gr di verdure e funghi avanzati
  • 6 uova
  • 50 gr di Parmigiano
  • 2 fette di prosciutto crudo o altri avanzi che avete in frigo
  • olio

Ti manca un ingrediente?

Controlla sull’app Myfoody, potrai trovarli scontati fino al 50%

 

Procedimento

Sbattete le uova con il parmigiano, c’è un trucco che vi aiuterà a rendere la vostra frittata sofficissima. Continuate a leggere, abbiamo deciso di condividerlo con voi! 🙂 

Aprite il frigorifero e recuperate tutti gli avanzi che trovate: funghi trifolati già cotti, formaggio, avanzi di prosciutto e unite il tutto al composto di uova sbattute e parmigiano.
Cuocete fino a quando i bordi della frittata non saranno diventati solidi e girate la frittata per completare la cottura.

La ricetta è semplicissima, ma non tutte le frittate vengono perfette. 

Qual è il segreto della frittata perfetta?

Se la volete sofficissima dovrete separare gli albumi dai tuorli, montarli a parte e aggiungerci a parte sale e parmigiano e poi sbattere i due composti in due diversi contenitori.
Solo dopo averli sbattuti separatamente potrete unirli, anche nell’unione c’è un trucco: versate l’albume nel tuorlo dall’alto verso il basso.
Se seguirete questo procedimento la frittata tenderà a gonfiarsi e sarà sofficissima.

E per girarla? Niente paura, dopo questo articolo avrete acquisito la precisione di un ingegnere nel farlo.

Procuratevi una spatola di legno e incidete il composto, in modo che la parte liquida rimasta in superficie penetri verso il basso. Questo semplice passaggio renderà la vostra frittata compatta e pronta per essere capovolta. Per farlo aiutatevi con un piatto di diametro maggiore della padella e siate veloci.

Ora avete tutte le info che vi servono per realizzare la frittata perfetta salva cena e zero waste.