VIVI SOSTENIBILE

Il cambiamento climatico esiste: scopri come combatterlo a tavola

10 Gennaio 2020  Tempo di lettura: 6

Agricoltura e clima sono interdipendenti, pioggia, gelate e sole influiscono sul nostro suolo e sulle risorse indispensabili per produrre il cibo: una ricchezza che tutti amiamo!

Si è concluso da poco il COP25 a Madrid, che ha definito il decennio 2010-2020 come il più caldo della storia. L’Organizzazione meteorologica mondiale ha affermato che quest’anno le temperature globali sono state di 1,1 gradi sopra la media. Maggiore concentrazione di CO2 legata a combustibili fossili, costruzione di infrastrutture, aumento delle coltivazioni e del trasporto merci.
Un dato negativo o il numero che può darci la spinta ad agire? Noi di Myfoody vogliamo pensarlo come quel numero. A questo giro ve ne daremo tanti non sotto forma di grammi, come siamo abituati a fare per le ricette a spreco zero, ma per essere più consapevoli! 🙂

Come affrontare questo periodo di crisi? E abbiamo detto “crisi” con in mente l’etimologia greca di questa parola, quindi potremmo rilanciare la domanda in questo modo: come affrontare questo periodo di svolta?
Le risposte sono tante e ormai fanno parte della nostra routine quotidiana: economia familiare, consumo critico, riutilizzo degli scarti.

È proprio il caso di dirlo “non ci sono più le mezze stagioni” e possiamo vederlo anche a tavola: mangiamo più insalata e meno cotechini e beviamo molta più acqua. Preferiamo cibi estivi, quasi tutto l’anno, a causa delle temperature più miti e rinunciamo molto spesso a stufati, pietanze cucinate e addirittura ai torroni: il consumo di questo dolce tipico natalizio) scende dell’8%.  Com’è possibile tutto ciò? Questi dati sono inaccettabili, come quello del torrone! Per lui, per noi e per il pianeta possiamo trovare una soluzione insieme! 🙂

Mangiare: una scelta di vita e di amore per il pianeta!

Tutto questo per dirvi che il cambiamento climatico esiste, non è un tabù e non è troppo tardi per reagire! 🙂
Come consumatori consapevoli e come Foodies, possiamo invertire questa tendenza giorno dopo giorno con piccole azioni quotidiane.
Potremmo usare una parola chiave: semplicità e non vogliamo credere sia un caso il suo rimare con sostenibilità perché, grazie all’app e a voi Foodies, nel 2019 abbiamo salvato 737.715 prodotti prossimi alla scadenza

Un numero che tradotto in CO2 significa 11.286 tonnellate di CO2 recuperata, l’equivalente di 50 voli Roma-Londra A/R!

Noi un brindisi ai risultati positivi del 2019 l’abbiamo fatto e pensate a tutto quello che potremo fare insieme nel 2020? Noi non vediamo l’ora! 🙂 

Fare la nostra piccola azione per il benessere del pianeta riducendo lo spreco con le ricette a spreco zero o con metodi di autoproduzione è solo una questione di abitudine, ma c’è ancora qualcosa di più semplice che possiamo fare: seguire la stagionalità di frutta e verdura, un gesto che non richiede sforzo, perché ci pensa la natura al posto nostro! Semplice no? Ve l’avevamo già detto! 

Gennaio è appena iniziato, non vogliamo ancora spoilerare nulla sugli obiettivi del 2020 ma vogliamo svelare un segreto sui contenuti. Scopriremo con voi, mese per mese, i prodotti di stagione e le loro proprietà perché il cambiamento climatico si combatte anche tavola! 

Buon appetito stagionale!
cambiamento climatico

Per un futuro migliore, per il cibo e per il pianeta, fai la tua spesa senza sprechi!

Scarica l’app!

 

Gli Italiani e la sostenibilità

Abbiamo parlato di Foodies, un piccolo sottoinsieme del popolo italiano, un popolo sempre più attento al futuro. 

Questo ce lo dice il quinto Osservatorio Nazionale sullo stile di vita sostenibile, l’indagine annuale che approfondisce l’atteggiamento di noi italiani nei confronti della sostenibilità. Uno studio realizzato da LifeGate in collaborazione con Eumetra MR su un campione di 800 individui maggiorenni.
Dal 1992, anno della conferenza di Rio, ad oggi qualcosa è cambiato e la Sostenibilità ha vinto il premio di parolona, di nome e di fatto! 🙂
Ormai è entrata a fare parte della nostra vita perché il futuro conta per noi e per le generazioni che verranno. 

Numeri? Sì e vogliamo condividerli:

  • Il 92% degli italiani ha affermato di essere guidato nelle sue scelte dal rispetto delle generazioni future
  • Il 38% degli intervistati conduce un’alimentazione sostenibile e il 52% è disposto a spendere di più per l’acquisto di prodotti bio.

Voi foodies lo sapete però: vivere in modo sostenibile non significa sempre spendere di più ma risparmiare e ottimizzare le risorse.

Pronti per un 2020 stagionale e a spreco zero?