AUTOPRODUZIONE

Influenza di stagione: i rimedi naturali e anti-spreco per combatterla!

12 Dicembre 2019  Tempo di lettura: 6–7 min

L’inverno è quasi arrivato e con lui anche l’influenza. Avrete sicuramente fatto il pieno di farmaci ma le tradizioni tramandate dai nostri nonni funzionano anche come cura naturale. Dobbiamo confessare, tutto è partito dal CTO di Myfoody, Luca. Si è assentato per alcuni giorni causa influenza e, a ruota, ci siamo influenzati un po’ tutti. Per affrontare l’influenza in modo divertente abbiamo deciso di chiedere i rimedi naturali con il cibo ai nostri nonni: siciliani, emiliani, milanesi, toscani e pugliesi.
Il risultato? Una lista di rimedi naturali per combattere l’influenza.

Abbiamo scoperto che le spezie non sono utili solo in cucina ma anche come rimedio per combattere l’influenza: un’idea per riutilizzare le spezie scadute. Questi ingredienti, infatti, se scaduti non perdono le loro proprietà ma solo il loro gusto deciso, ma per combattere l’influenza non serve il gusto ma il risultato finale!

“Sciogliete un cucchiaino di cannella nel miele e utilizzate questo dolcificante naturale come sostituto dello zucchero in una tazza di tè caldo, allevierà la tosse e sarà un ottimo decongestionante per le vie nasali” ci ha detto nonna Maria.

Nonna Angela invece ci ha parlato della curcuma: molti l’associano solo ai piatti speziati e invece ha un potere antinfiammatorio molto forte. Come utilizzarla? Insieme al cardamomo, al tè verde e al limone. Un concentrato ottimo per la salute.

La stagione degli agrumi: la natura in nostro soccorso! 

Nella lista della spesa di dicembre troviamo pompelmo, mandarino e arance. Gli agrumi infatti sono i protagonisti della stagione invernale. Tutti i fruttaroli si trasformano in vere e proprie farmacie naturali.
Per combattere il mal di gola, infatti, il cavaliere indiscusso è il limone! Fate dei gargarismi con il succo di due limoni diluiti in mezzo bicchiere di acqua e sale; per la tosse basterà bere il succo di un limone con l’aggiunta di un cucchiaio di miele. 

Noi vi abbiamo avvisato, il gusto non è dei migliori ma questo articolo non è nato come ricetta ma come presa di coscienza del potere del cibo anche per la nostra salute.
Se decidete di unire al succo di agrumi anche acqua e foglie di basilico fresco, otterrete un infuso curativo.
Se avete qualcuno che si prende cura di voi potrete chiedergli/le di prepararvi un centrifugato di carote fresche con l’aggiunta di un cucchiaino di miele, da bere durante il corso della giornata. La bevanda ideale se siete in ripresa e dovete lavorare da casa. Fresca, ricostituente e soprattutto senza sprechi perché con gli scarti del centrifugato potrete realizzare degli ottimi pancakes per coccolarvi con il cibo il giorno successivo!
Noi vi abbiamo dato l’idea, voi potete passarla al partner o al coinquilino! 🙂 

Lo zenzero è il rimedio per eccellenza, ma ve ne abbiamo già parlato, quindi vogliamo spifferare un segreto che ci ha svelato la nonna del nostro indispensabile CTO! Per affrontare la convalescenza mangiate pomodori maturi o bevete il succo, ritornerete come nuovi in ufficio! E noi possiamo garantire! 🙂  Il nostro CTO toscano ci serve in forma per la nostra app; se volete conoscere meglio lui e tutto il team Myfoody, mesi fa abbiamo trascorso un weekend insieme e ve l’abbiamo raccontato!

Vuoi ridare una seconda vita al cibo anche nei supermercati risparmiando sulla spesa?

Scarica l’app!

 

Il potere dei pomodori non solo maturi!

I pomodori non dovrebbero essere nella nostra dieta solo durante l’influenza, ma ogni giorno!
L’imperatore degli orti italiani, questo frutto-verdura è ricchissimo d’acqua (ben il 94%) e di vitamine: del gruppo B, vitamina D e soprattutto vitamina E, che assicura a questo pomo rosso, verde o giallo le proprietà antiossidanti e vitaminizzanti. 
Ma il pomodoro è davvero una forza della natura: ferro, zinco, selenio, fosforo e calcio e last but not least, come direbbero i nostri amici inglesi, è ricchissimo di licopene: il responsabile della forza antiossidante del pomodoro, nonché il carotenoide predominante nel sangue umano e indovinate un po’? La sua concentrazione aumenta all’aumentare del grado di maturità dei pomodori…quindi la nonna aveva ragione con il suo rimedio casalingo! 🙂