RICETTE

Marmellata di castagne e acqua di cottura per l’eco-cosmesi!

7 Ottobre 2019  Tempo di lettura: 2
 Preparazione: 180min
 Cottura: 120min
 Difficoltà: "medio"

Autunno, periodo di castagne in tutte le salse: ottime per i piatti salati e per quelli dolci, ma non a fine pasto: un etto di castagne equivale a un piatto di pasta!
Lo sappiamo, siete abituati a gustare le caldarroste come se fossero dolci, ma parliamo di un frutto troppo nutriente che potrebbe addirittura sostituire un pasto.  

Vediamo come realizzare una marmellata di castagne senza sprecare neanche l’acqua di cottura! Questa ricetta delizierà i vostri ospiti per la sua particolarità e dovrete approfittarne ora, perché questo frutto è di stagione da ottobre a dicembre. Il cosiddetto periodo delle castagne, periodo conosciuto anche per la perdita dei capelli.
Perché?

Perché la natura è un ciclo: cadono le foglie, cade il pelo degli animali e cadono anche i nostri capelli! L’autunno, un periodo di rinnovamento che possiamo affrontare con il gusto giusto e senza sprechi!

Ingredienti per 10 vasetti da 250 grammi

  • 1 kg di castagne
  • 500 gr di zucchero
  • 1 baccello di vaniglia
  • 1 bicchiere di acqua

Ti manca un ingrediente?

Controlla sull’app Myfoody, potrai trovarli scontati fino al 50%

 

Procedimento per realizzare la marmellata di castagne

Questa è una ricetta che vi porterà via qualche ora dei vostri pomeriggi autunnali, l’ideale dunque con le piogge tipiche di questo periodo, ma il risultato ripagherà i vostri sforzi.

Potrete servire la marmellata di castagne, aromatizzata alla vaniglia, come dolce al cucchiaio e non solo: un’ottima alternativa al pane con marmellata

Lavate e asciugate le vostre caldarroste e incidete con un coltello nel senso della larghezza. Versatele in una pentola, che avrete precedentemente riempito con acqua, portate ad ebollizione e lasciate cuocere le castagne per circa mezz’ora.

Non buttate l’acqua di cottura delle castagne perché è un elisir prezioso per i vostri capelli!

Scolate e fate raffreddare le castagne, eliminate la buccia e poi schiacciate la polpa con una forchetta.
Aggiungete alla vostra polpa di castagne, lo zucchero e l’acqua utilizzando una pentola dai bordi alti e mescolate con un cucchiaio di legno fino ad ottenere un composto omogeneo. 

Prendete i vostri 10 vasetti di vetro riciclati e versate la confettura all’interno conservandola in un luogo fresco e asciutto.
Se volete dare un tocco di gusto in più, potete aggiungere anche una tazzina di caffè e 50 gr di cacao amaro o, per gli amanti dei gradi alcolici, anche un bicchierino di liquore (Cointreau) e un cucchiaio di cannella. 

La vostra marmellata è pronta! Gustatela e sorprendete i vostri ospiti anche per una colazione diversa dalle altre!

Come affrontare il periodo delle castagne? Con le castagne!

Questo frutto è ricchissimo di proprietà emollienti e rigeneranti, le proprietà che servono ai capelli nel periodo di rinnovamento. Infatti il rimedio a spreco zero che vi stiamo consigliando aiuterà i vostri capelli a diventare più forti e lucidi.
Come? Prendete l’acqua di cottura delle castagne, che ormai sarà diventata fredda, ed effettuate l’ultimo risciacquo dopo lo shampoo con l’acqua di cottura: i riflessi più chiari della vostra chioma saranno più vivi perché l’acqua di cottura conserva tutte le proprietà di questo frutto.

E le bucce che avete messo da parte? Non buttatele, ma fate bollire 10 bucce in una pentola con 1,5 litri di acqua per 30 minuti a fuoco basso. Filtrate il decotto e lasciatelo raffreddare.
Applicate l’elisir sui capelli e otterrete una chioma con riflessi ramati sui capelli scuri e riflessi dorati sui capelli biondi. Se vuoi scoprire tutti i segreti della tinta con bucce di castagne, leggi questo articolo!