RICETTE

Minestra con scarola e fagioli: come realizzare un piatto unico vegano

11 Ottobre 2020  Tempo di lettura: 2–3 min
 Preparazione: 15min
 Cottura: 180min
 Difficoltà: "facile"

La stagione della scarola e dei fagioli è arrivata, le piogge e il freddo iniziano a farsi sentire quindi è il momento di reagire con un comfort food da gustare sotto le coperte: la minestra con scarole e fagioli. Questo piatto è un classico che trae le sue origini dalla cucina partenopea, ottimo per chi vuole iniziare l’autunno con una prelibatezza vegana e light.
Per tutti quelli che credono che la zuppa di scarole e fagioli sia triste, ecco il consiglio a spreco zero: servitela con dei quadratini di pane raffermo abbrustoliti. Avrà un altro sapore, fidatevi! 🙂
La minestra di fagioli e scarole, inoltre, è un piatto antispreco perché se avanza non dovrete assolutamente buttarla: riscaldatela il giorno dopo e sarà ancora più buona. Un insegnamento che recuperiamo dai toscani con la loro ribollita.

Un ultimo dettaglio prima di lasciarvi con gli ingredienti: vogliamo fare una distinzione tra la scarola liscia e quella riccia. La riccia è perfetta cruda nelle insalate light e condita con olio extravergine d’oliva e aceto o succo di limone, mentre la liscia si usa sempre cotta ed è quella che vi consigliamo di utilizzare in questa ricetta.

Ingredienti per la minestra

  • 350 gr di scarola
  • 300 gr di fagioli cannellini
  • parmigiano grattugiato q.b.
  • olio extravergine d’oliva q.b.
  • sale e pepe q.b.
  • 2 spicchi d’aglio
  • 2 foglie di alloro

Ti manca un ingrediente?

Controlla sull’app Myfoody, potrai trovarli scontati fino al 50%

 

Procedimento per realizzare la minestra con scarola e fagioli

È arrivato il momento di condividere con voi il procedimento per realizzare questa minestra con scarola e fagioli.
Mettete in ammollo per circa 12 ore i fagioli cannellini, quando i fagioli saranno pronti passateli sotto l’acqua corrente per eliminare i residui e trasferiteli in una pentola con acqua e alloro.
Portate i fagioli ad ebollizione e lasciateli cuocere a fiamma bassa per circa due ore e mezza. Eliminate la schiuma e una volta cotti, scolateli e mettete da parte l’acqua di cottura.
Lavate la scarola, tagliatela e ripassatela per qualche minuto in acqua bollente assicurandovi che resti al dente.
Quando sarà pronta potrete trasferire tutti gli ingredienti in una casseruola insieme agli spicchi di aglio interi che dovrete rimuovere quando saranno diventati dorati. Non vorrete fare qualche sorpresa indesiderata ai vostri ospiti! 🙂

Aggiungete i fagioli insieme ad un bicchiere di acqua di cottura e fate cuocere il tutto per circa 15 o 20 minuti. Condite la minestra con un filo d’olio e date il tocco finale con una grattugiata di parmigiano. Servite la minestra con dei crostini di pane ed è fatta.

Biodiversità dei fagioli: ecco le 9 varietà riconosciute dalla FAO

Se c’è un ingrediente simbolo di biodiversità, beh, quello è il fagiolo. Una fonte di proteine vegetali a basso indice glicemico, ricco di fibre, sali minerali e vitamine del gruppo B.
Un legume indispensabile per chi si segue una dieta vegana. 

Ma quali e quanti sono i fagioli magici?

Esistono più di 40 mila varietà ma la FAO ne riconosce 9, scopriamole insieme. 

Secondo la FAO possiamo gustare le seguenti varietà di fagiolo:

  • Fagiolo tondo
  • Fagiolo di Lima o fagiolo di burro
  • Fagiolo azuki
  • Fagiolo Mung o soia verde
  • Fagiolo nero, fagiolo indiano o fagiolo mungo
  • Risocea o fagiolo riso
  • Fagiolone
  • Fagiolo di Tepary
  • Fagiolo dell’occhio

Quando si parla di fagioli dunque non è solo una questione di borlotti in scatola. Dietro le scatole c’è molto di più, si tratta solo di provarli! 🙂