AUTOPRODUZIONE

Olio essenziale con la buccia del pompelmo: come realizzarlo!

24 Febbraio 2020  Tempo di lettura: 6–7 min

Giallo, rosa e rosso dalla scorza spessa (da non buttare) e con una polpa succosissima. Il pompelmo, agrume di stagione in questo periodo, dal sapore intenso che potete gustare al naturale o spremuto è una carica di fibre, vitamina A, B e C.
Ma vi siete mai interrogati sulla derivazione del suo nome? Noi sì e non vediamo l’ora di dirvelo! Il termine deriva dalla parola olandese “pompoen” che significa grosso e dalla parola giavanese “limoes” che significa limone. Quindi parliamo di un grande limone, la cui buccia vi servirà per autoprodurre un olio essenziale a spreco zero.

Tra gli appassionati di aromaterapia l’olio essenziale al pompelmo è il più amato per le sue proprietà purificanti e rivitalizzanti. Un olio in grado di favorire il benessere fisico (avrete una pelle perfetta) e mentale.

Tutti questi lati positivi sono possibili perché anche la buccia contiene moltissime fibre e vitamine: A, B e C!

Come ingredienti vi serviranno la buccia di due pompelmi, olio extra vergine d’oliva e un flacone o un barattolo di vetro con coperchio.

Preparazione dell’olio essenziale con le bucce di pompelmo

Lavate bene i pompelmi per eliminare tutti i residui, asciugateli e togliete la buccia con l’aiuto di un pelapatate o di un coltello. Assicuratevi di eliminare anche il leggero strato biancastro, grattatelo via aiutandovi con un coltello.
Mettete una pentola sul fuoco, riempitela d’acqua fino a metà, aspettate che si scaldi. Quando sarà abbastanza calda ma non avrà ancora raggiunto il punto di ebollizione aggiungete la buccia del pompelmo, aspettate un minuto prima di togliere la pentola dal fuoco. L’acqua si sarà leggermente tinta di rosso, ma questa non vi servirà. 

Riempite il barattolo di vetro con olio extra vergine d’oliva fino a metà, aggiungete la scorza del pompelmo, chiudete il coperchio e mescolate i due ingredienti fino ad ottenere un mix. Potrete anche utilizzare l’olio di mandorle.

Scaldate il flacone con il magico elisir a bagnomaria: mettete una pentola con acqua sul fuoco, aspettate che l’acqua raggiunga il punto di ebollizione e immergete all’interno il flacone di vetro. Lasciate il flacone a bagnomaria per almeno due ore, in questo modo il calore si trasferirà in modo delicato al vostro elisir magico.

Trascorso questo tempo togliete la pentola dal fuoco e lasciate riposare il vostro elisir magico con la buccia di pompelmo in un luogo fresco e asciutto per almeno 24 ore. 

Ci siamo quasi: dovrete solo versare il contenuto del flacone in barattoli riciclati più piccoli per far sì che il vostro olio essenziale realizzato con le bucce del pompelmo si conservi più a lungo.

Se siete arrivati fin qui vuol dire che avete avuto la pazienza necessaria per realizzare l’olio essenziale di pompelmo.

Stanchi e nervosi: l’olio essenziale vi aiuterà a rilassare mente e corpo!

Problemi con la circolazione sanguigna? L’olio essenziale servirà a riattivare la circolazione del sangue.

Le vitamine contenute in questo scarto preziosissimo aiutano a tonificare la pelle e a mantenerla più giovane. Problemi di pelle grassa? L’olio essenziale realizzato con le bucce di pompelmo fa bene anche contro l’acne e per la crescita dei vostri capelli.

Vuoi ridare una seconda vita al cibo anche nei supermercati risparmiando sulla spesa?

Scarica l’app!

 

Rosa, rosso e giallo: non è un remake di un film di Verdone!

Potrete essere indecisi sul colore del nuovo maglione da acquistare (speriamo di seconda mano) ma non sulla varietà di pompelmo da gustare!
Quello giallo è conosciuto anche come pompelmo bianco: ha un gusto acido ed è ricchissimo di vitamine, calcio, magnesio, fosforo, potassio. Ricchissimo di flavonoidi, le proprietà in grado di contrastare l’azione dei radicali liberi. Poverissimo di calorie, se siete a dieta scegliete lui, che si tratti di usare semi, polpa o succo.

Il pompelmo rosa è l’agrume più dolce perché nasce dall’unione di pompelmo e arancia. Meno vitamina A ma più vitamina C. Se fate sport scegliete lui, il pompelmo rosa!

Il pompelmo rosso è simile a quello rosa, la ricchezza di licopene e betacarotene rendono questo agrume un frutto antiossidante utilissimo per proteggere l’organismo dalle cellule tumorali e dallo stress ossidativo. Questa varietà è utile anche per depurare il fegato e ridurre le sostanze tossiche oltre a rafforzare il sistema immunitario.