AUTOPRODUZIONE

Olio scaduto? Ricicliamo! 9 idee e spunti per non sprecarlo!

26 Settembre 2019  Tempo di lettura: 6

Oggi sfatiamo un mito: anche l’olio scade, ma vi diamo anche una buona notizia. 

Non dovete assolutamente buttare l’olio scaduto ma riutilizzarlo per l’eco-cosmesi e per il fai da te

In Italia, la patria per eccellenza dell’olio insieme alla Grecia, ci sono ben 538 varietà di cultivar.
Ma questa storia del riutilizzo dell’olio scaduto non proviene dall’Italia, ma dalla Grecia.
Durante i viaggi nella terra del mare avrete sicuramente notato i tipici negozietti con bottiglie in ceramica e olio EVO di qualità, ma vi siete mai fermati per scambiare due chiacchiere con i negozianti?
Gioele, il nostro grafico, durante le vacanze estive l’ha fatto e abbiamo scoperto un mondo anti-spreco!

Forse vi starete chiedendo: “Ma Gioele parla la lingua greca?” La risposta è no, ma i greci adorano l’Italia (e viceversa) quindi non è difficile trovare qualcuno che conosca l’italiano! Iniziate con una canzone o magari con una citazione del film Mediterraneo, loro le conoscono tutte e poi potrete iniziare la scoperta! 🙂

Prima di iniziare con i racconti di Gioele vogliamo chiarire la questione: l’olio scade o no?
L’olio di oliva si conserva per circa due anni, nelle giuste condizioni però, quindi lontano da fonti di calore interne (riscaldamento), esterne (sole) e da luoghi troppo freddi. Il range ideale per la conservazione è tra i 14 e i 18 gradi.
Dopo questo periodo di tempo inizia a perdere le sue proprietà: non risulta buonissimo al palato, quindi non potrete gustarlo semplicemente accompagnato da un crostino ma potrete riutilizzarlo per la bellezza di pelle e molto altro. 

L’aroma va via ma le sue proprietà no, l’olio scaduto conserva le vitamine E, A e beta-carotene, sarebbe davvero uno spreco perderle!

L’olio scaduto per l’eco-cosmesi


Avete la barba e state leggendo questo articolo?
No, non è una domanda di Indovina chi, ma l’olio scaduto, se corrispondete alla descrizione, fa al caso vostro: le sue proprietà sono utilissime per ammorbidire la cute e permettere al rasoio di scivolare bene. Addio tagli e addio spreco! 🙂
Se mischiato con le bucce di limone, inoltre, si trasforma in un utilissimo oleito per rinforzare e lucidare le unghie. E non solo le unghie, ma anche le cuticole!

Ma Gioele e il negoziante non potevamo pensare solo agli uomini ed ecco svelato un altro mistero: l’olio scaduto serve per preparare un balsamo per labbra screpolate.
È semplicissimo e il negoziante, Alkis, ha davvero ragione: basta miscelare l’olio di oliva scaduto con la cera d’api sfusa nelle stesse quantità e aggiungere qualche goccia di olio essenziale (la profumazione sceglietela seguendo il vostro gusto) e avrete un burro di cacao a spreco zero e 100% naturale.
Ma se le proprietà dell’olio scaduto sono indicate per unghie e pelle del viso è innegabile la sua forza per la pelle di tutto il corpo.
Basterà aggiungere all’acqua della vasca da bagno alcuni cucchiai di olio e qualche goccia di olio essenziale e il gioco è fatto.
Non preoccupatevi per la pelle: il rischio che possa risultare grassa dopo l’applicazione svanisce se utilizzate questo elisir anti-spreco nelle giuste quantità (quattro o cinque cucchiai!)

Vuoi ridare una seconda vita al cibo anche nei supermercati risparmiando sulla spesa?

Scarica l’app!

 

Olio scaduto: un ottimo aiutante per il fai da te

Alkis ci ha svelato anche un altro segreto: “l’olio scaduto è un rimedio utilissimo anche per il fai da te!” E noi ci fidiamo di lui!
Se avete appena finito di verniciare i mobili dovrete solo applicare sulle mani l’olio di oliva e lasciarlo agire per qualche istante prima di lavarle bene con zucchero e sale. Le mani torneranno morbide e pulite.
L’olio scaduto è anche un ottimo rimedio per dare nuova vita al mobile in legno che la nonna vi ha regalato! Versate su un panno morbido alcune gocce di olio d’oliva mescolate al limone (¾ di olio e ¼ di limone) e il mobile risulterà nuovo. Finalmente la nonna potrà vedere il suo regalo utilizzato, soprattutto in casa e non nel garage, e voi non dovrete più inventare scuse assurde! 🙂

Ma l’olio d’oliva pensa davvero a tutti: se il vostro amico a quattro zampe ha il fastidioso problema delle zecche dovrete versare due gocce di olio sopra gli animaletti indesiderati e questi lasceranno la presa. Quello è il momento giusto per eliminarli con una pinzetta.