RICETTE

Paté con buccia di zucca: un ingrediente, tantissimi modi per usarlo!

 Preparazione: 15min
 Cottura: 20min
 Difficoltà: "facile"

È arrivato l’autunno e con lui anche la zucca, famosissima per il suo colore e per il suo basso contenuto di calorie.
Quante ricette conoscete con la polpa di questo ortaggio, simbolo della festa di Halloween?
Ne conoscete altrettante con la buccia e i semi? Queste parti che molto spesso sono considerate scarti, possono essere mangiate perché cariche di gusto e con le stesse proprietà della zucca.
Per questo paté di zucca vi consigliamo di acquistare l’ortaggio non trattato e a km 0, è di stagione quindi non avrete problemi a trovarlo dal vostro fruttarolo di fiducia!

Ingredienti

  • Zucca violina
  • brodo vegetale
  • semi di zucca
  • olio evo
  • sale e pepe qb

Ti manca un ingrediente?

Controlla sull'app Myfoody, potrai trovarli scontati fino al 50%

 

Preparazione del paté con buccia di zucca 

Per realizzare il vostro paté di zucca potete utilizzare qualunque buccia, ma la migliore è quella della zucca Violina.
Assicuratevi di lavarla bene prima di tagliarla e metterla in una pentola. Copritela con il brodo vegetale.
Per 300 gr di buccia dovete considerare mezzo litro di brodo vegetale.
Cuocete il tutto per 20 minuti in una pentola normale o per 10 in una pentola a pressione.
E i semi? Non buttateli nel bidone dell’umido ma tostateli in padella mentre aspettate che la vostra crema di zucca avanzata sia pronta.
Dopo 20 minuti i vostri scarti preziosissimi, buccia e semi, saranno pronti per essere frullati insieme.
Lasciate alcuni semi da parte perché vi serviranno per decorare la vostra crema.
Dopo aver frullato il tutto condite con sale, curcuma e pepe. 

Alla prima frullata aggiungete 80 gr di olio.
Se volete creare una versione light della vostra crema con buccia avanzata potete utilizzare il brodo vegetale al posto dell’olio.
Servite il vostro paté di zucca decorato con i semi di zucca. 

L’arte del riciclo in passato: la buccia di zucca come bottiglia

I nostri nonni sono degli esperti nel riutilizzo del cibo, non solo in cucina ma anche nel riciclo creativo. Vi ricordate nonno Gino e la sua ricetta anti-spreco realizzata con i gambi dei carciofi
Sempre lui ci ha parlato della zucca bottiglia! Sì, è proprio questo il suo nome e fino alla fine degli anni cinquanta del ‘900 era presente in tutte le case dei contadini.
Un ottimo ingrediente per tanti piatti ma non solo: dopo aver prelevato la polpa, la buccia, molto dura, veniva usata come contenitore per vino, acqua e sale.
I pellegrini addirittura la portavano durante i viaggi, una sorta di borraccia a spreco zero. Il nonno Gino, ci ha anche raccontato che quando era troppo piccola la zucca bottiglia veniva utilizzata come contenitore per il sale.

Un racconto che ci dimostra le mille risorse del cibo!

Non ne hai mai abbastanza?
Iscriviti alla newsletter, non saremo mai noiosi.
Altre ricette
I più letti
I più letti
I più letti