RICETTE

Polpette con crosta di parmigiano: un ingrediente prezioso

 Preparazione: 15min
 Cottura: 30min
 Difficoltà: "facile"

Il parmigiano è il formaggio preferito dagli italiani: un ingrediente indispensabile nella maggior parte delle ricette, ma anche ottimo per dare un tocco di gusto deciso ai piatti.
Ma lo acquistate con o senza crosta? Sarebbe un peccato perdere la possibilità di provare il gusto deciso di questa parte, che molti gettano con leggerezza nel bidone dell’umido.
Il parmigiano, infatti, rientra in quella lista di formaggi la cui buccia è commestibile, al contrario degli altri i cui rivestimenti sono costituiti da cere (come il Gouda, l’Edamer) o da tessuto (come nel Cheddar).

Non dovete addentare la crosta, anche se commestibile, ma potete riutilizzarla in queste polpette realizzate con pane raffermo e crosta di parmigiano!

Ingredienti per 4 persone

Per le polpette:

  • 300 g di pane raffermo
  • 200 g di croste di Parmigiano Reggiano
  • 4 uova
  • uva passa
  • pinoli
  • pepe
  • prezzemolo
  • aglio
  • fiocchi di patate
  • pangrattato
  • olio evo

Per la salsa di cipolle:

  • 1 cipolla dorata
  • 100 ml di latte
  • 30 g di burro
  • 1 cucchiaio di farina
  • sale
  • noce moscata

Ti manca un ingrediente?

Controlla sull'app Myfoody, potrai trovarli scontati fino al 50%

 

Preparazione delle polpette con crosta di parmigiano


Per preparare le polpette anti-spreco e riutilizzare la parte di scarto di un ingrediente preziosissimo come il parmigiano dovete pulire le croste sotto acqua corrente, aiutandovi con uno spazzolino, poi dovrete avvolgerle in un telo umido senza asciugarle e lasciarle in frigo in una bustina chiusa per un paio di giorni.
Sì, per questa ricetta dovrete aspettare, ma è risaputo: l’attesa aumenta il piacere e le vostre polpette saranno davvero gustose!
Trascorsi i due giorni, dovrete ridurre a dadini piccoli le croste, precedentemente lavate, e frullarle in un mixer fino a ridurle in briciole.
Trasferite in una ciotola il pane precedentemente ammollato in acqua (vi abbiamo consigliato un’altra ricetta di polpette con il pane raffermo, ricordate la zia Anna?) insieme a uova, pepe, aglio tritato e prezzemolo.
Impastate con le mani e formate delle palline, appiattitele sul palmo della mano e impreziosite il tutto con un pizzico di pinoli e uva passa.

crosta di parmigiano

Ultimo passaggio prima di rosolare le polpette per breve tempo con un filo d’olio sarà quello di passarle nel pangrattato.

Terminata la precottura, potete procedere con il forno già caldo a 180° per 15 minuti:
il tempo che vi servirà per preparare la salsa.
Tritate la cipolla, lasciatela rosolare a fuoco dolce nel burro e fatela caramellare. Aggiungete un filo d’acqua, coprite e lasciate cuocere per 5 minuti.
Stemperate la farina nel latte tiepido, aggiungete il sale, la noce moscata e versate il composto nelle cipolle.
Cuocete il tutto fino ad ottenere una crema della densità della besciamella e frullate con un mixer a immersione. Coprite e non appena le polpette saranno pronte, versate un po’ di salsa nel piatto, adagiate le polpette e ricoprite con un altro strato di salsa.

Questa ricetta a spreco zero non ha il sale tra gli ingredienti perché le croste sono già saporite.

A questo punto le vostre polpette realizzate con due ingredienti considerati scarti, pane raffermo e croste di parmigiano, saranno pronte per essere servite.

A corto di idee? Ecco altri modi per riutilizzare la crosta di parmigiano

Ma la crosta di parmigiano è utilissima anche per rafforzare la dentatura di cani e gatti, solo in tenera età però!
La maggior parte dei nostri amici a quattro zampe da adulti perde l’enzima in grado di assimilare il lattosio. Intolleranti al lattosio, non siete soli!
Ma ci sono altri modi per riutilizzare le croste del parmigiano, tutte con l’obiettivo di dare un sapore più deciso a zuppe e minestroni, alla salsa di pomodoro (sono da aggiungere durante la cottura e da togliere quando il sugo è pronto), allo spezzatino e al brodo.

Una risorsa così si può solo amare!

Non ne hai mai abbastanza?
Iscriviti alla newsletter, non saremo mai noiosi.
Altre ricette
I più letti
I più letti
I più letti