AUTOPRODUZIONE

Riutilizzare l’acqua di cottura della pasta: 4 modi che non ti aspetti!

20 Marzo 2020  Tempo di lettura: 4–5 min

Le nonne ai fornelli ne sanno una più del diavolo, provate a fare mente locale dei pranzi trascorsi a casa dei nonni con un bel piatto di pasta. 

Che fine faceva l’acqua di cottura? La nonna non la buttava mai! 🙂 

Ebbene sì, le tradizioni del no-spreco sono quelle piccole azioni quotidiane che abbiamo visto fare tantissime volte in famiglia ma che abbiamo cancellato dalla memoria con la scusa del “non ho tempo”.

Dai non prendiamoci in giro, i nostri nonni recuperavano cibo e tempo con delle semplici e buone abitudini.
Perché non farlo anche noi nel 2020?

Ci sono tantissimi modi per riutilizzare l’acqua di cottura della pasta. Molti di voi la riutilizzano già per sgrassare le stoviglie, perché ricchissima di amido e di sali minerali, ma c’è un mondo di opportunità nascosto dietro l’acqua di cottura

Utilizzando il detersivo, dobbiamo sciacquare con acqua abbondante le stoviglie entrando così nel circolo vizioso degli sprechi. L’acqua di cottura della pasta invece, contiene le sostanze naturali con potere detergente e sgrassante utili al lavaggio. Solo se avete abbondato con l’olio e i piatti sono davvero grassi, solo e soltanto in questa circostanza, potrete usare qualche goccia di detersivo!
I benefici? Risparmio e riduzione dell’inquinamento negli scarichi!

Riutilizzare l’acqua di cottura in cucina e per l’igiene personale

Ma l’acqua di cottura è un ottimo ingrediente, anzi potremmo chiamarlo l’ingrediente segreto di pizze, focacce e torta salate, per le proprietà di cui vi abbiamo già parlato.
Potrete anche usarla per la cottura delle verdure al vapore ma ricordandovi di non aggiungere altro sale, altrimenti a fine cena sarete assetati!

Se invece avete l’abitudine di non salare l’acqua di cottura della pasta, potrete riutilizzarla per mettere in ammollo i legumi, ricordandovi di cambiarla in fase di cottura.
Ma ci sono anche altri motivi per i quali non dovrete buttare l’acqua di cottura: 

  • potrete realizzare un impacco per i capelli prima dello shampoo, così da rendere la vostra chioma morbidissima. Per questo rimedio anti-spreco andrà benissimo anche l’acqua di cottura del riso, un segreto orientale che vi abbiamo già svelato! 🙂 
  • potrete anche usarla per le vostre piante, ricordandovi di non aggiungere il sale durante la cottura.

Vuoi ridare una seconda vita al cibo anche nei supermercati risparmiando sulla spesa?

Scarica l’app!

 

L’acqua nel nostro pianeta: perché non bisogna sprecarla!

Vi parliamo sempre di cibo, ma non ci siamo dimenticati dell’acqua, l’altra risorsa preziosa da tutelare

Sul pianeta terra acqua ce n’è. Circa il 71% del pianeta Terra è ricoperto da acqua, salata però, come la nostra acqua di cottura! 🙂

Scherzi a parte, la maggior parte dell’acqua è negli oceani del pianeta.
E l’acqua dolce? La troviamo nelle calotte polari, nei ghiacciai, negli acquiferi, nei laghi, nei fiumi e nelle paludi.

L’acqua dolce a nostra disposizione non è tanta, dunque.

Le acque superficiali sono soggette ad un’enorme pressione a causa delle attività umane: irrigazione, trasformazione degli alvei per la costruzione di dighe, prelievo dei materiali.

C’è n’è poca, questo è assodato, ma se iniziamo a tutelarla sarà abbastanza per tutti, questa è una certezza. Perché non iniziare con il riutilizzo dell’acqua di cottura?

Chi ben comincia è a metà dell’opera, direbbe la nonna! 🙂